1.6. armature dei tessuti

Tutti i disegni e le varietà sono impostati su tre basi fondamentali di intreccio.

  • tela: la più semplice, massimo numero possibile di inserzioni di fili di trama e ordito, molto resistente e leggera, tinta unita o colorata o stampata, si presta a molti usi. Derivate dalla tela: mattè o panama, numero di fili di trama e ordito raddoppiato o aumentati di pari valore; rep o cannelè (ottoman), si ottiene aumentando in proporzioni diverse i fili di trama o ordito, potrà essere rep di trama o rep di ordito
  • Saia: Linee diagonali trasversali al tessuto. Con due armature saie in direzioni opposte, si ottiene l'effetto spigato, spinato o spina di pesce; le batavie hanno lo stesso effetto sia sul diritto che sul rovescio.
  • Satino o raso: i punti di ordito in intersezione con la trama, sono ridotti al minimo così da risultare una superfichie liscia e lucente ma molto meno resistente all'usura; i derivati dalla satino sono i satinati, i rasati, i rasatelli che però hanno un maggior numero di fili e risultano meno lucenti

Un'accenno alla lavorazione Jaquard che viene eseguita con un telaio Jaquard con una struttura diversa dalle armatura sopradescritte. I derivati dalla lavorazione Jaquard sono il Damasco e il broccato.


armatura tela armatura saia armatura satino o raso
clicca per ingrandire
schema armatura tela
clicca per ingrandire
schema armatura tela
clicca per ingrandire
schema armatura raso
campioni tele campioni saia campioni raso
clicca per ingrandire
tela tela tela
clicca per ingrandire
saia saia saia
clicca per ingrandire
raso raso raso
jaquard campioni jaquard
clicca per ingrandire
schema jaquard
clicca per ingrandire
damasco tela


le note descrittive presenti in queste pagine, sono tratte e liberamente scritte da Loretta B.©2009/2016, da il "Manuale merceologico di abbigliamento" di Mario Lorenzato - Editrice San Marco.







i vostri messaggi

commenti 1 messaggi


vedi i messaggi

apri