1.4. rifinitura

Serie di operazioni per rendere il tessuto commerciabile. Alcune operazioni sono comuni a tutti i tessuti, altre più specifiche in base al tipo di tessuto e all'utilizzo finale.

Nella tabella sottostante un'elenco delle varie operazioni di rifinitura.

Rammendo Lavatura Follatura
Rammendo di eventuali difetti o falla. Per togliere lo sporco accumulato durante la lavorazione e l'eventuale olio del filato utilizzato nella lavorazione. Tipica dei tessuti in lana per farli restringere e renderli compatti tipo i cappotti militari.
Garzatura Cimatura Decatisaggio e
vaporizzazione
Garzi naturali o con tante punte d'acciaio sottili come spilli, serve a sollevare il tessuto e creare una certa peluria tipo i loden, le flanelle, felpe, plaid ecc. E' la rasatura che si applica a tessuti cardati per rendere la peluria alla stessa altezza tipo i velluti. Bagno di acqua calda o vapore ed essicatura lenta per rendere il tessuto morbido e stabile nelle sue dimensioni.
Calandratura Pressatura Candeggio o sbianca
Viene applicata specialmente alla lana, si pressa il tessuto tra due rulli per dare maggiore lucentezza. Normalmente è l'ultimo passaggio e serve per dare lucentezza, morbidezza e sofficità. Si utilizzano diversi sistemi: presse idrauliche, cartoni tra le pieghe del tessuto, cilindri rivestiti di feltro, piastre di ferro. Sbiancatura tramite sostanze chimiche, è anche la preparazione per una successiva stampa.
Apprettatura Mercerizzazione Bruciapelo o
gasatura
Bagno in amido per renderla un po' rigida, applicata specialmente ai cotoni. Bagno alcalino in soda caustica su un tessuto fortemente teso, specialmente cotone per renderlo lucido come la seta. Elimina la peluria di superfice specialmente per tessuti di cotone.
Tolatura Marezzatura Antipiega
Per la seta, tramite rulli con lamine, avvicina i fili di tessitura per togliere le impronte lasciate dai pettini di lavorazione. Specialmente per la seta. Macchina con due cilindri da cui fuoriesce del vapore, il passaggio del tessuto tra questi cilindri conferisce un'effetto marmorizzato al tessuto. Specialmete per cotone e raion per evitare le antiestetiche pieghe, il trattamento è a base di resine sintetiche.

1.5. tintura

  • Tintura in fiocco: dopo la lavatura o la candeggiatura delle fibre corte.
  • Tintura in nastro pettinato o in top: dopo la fase di pettinatura.
  • Tintura in filato: dopo la filatura.
  • Tintura in pezza: dopo la tessitura.

I primi tre casi riguardano i tessuti operati che possono essere lavorati utilizzando filati di diversi colori. L'ultimo riguarda la tinta unita.

La tintura a stampa riguarda lo stampaggio dei tessuti mediante corrosione o impressione.



le note descrittive presenti in queste pagine, sono tratte e liberamente scritte da Loretta B.©2009/2016, da il "Manuale merceologico di abbigliamento" di Mario Lorenzato - Editrice San Marco.







i vostri messaggi

commenti 1 messaggi


vedi i messaggi

apri