giorno settimanamesegiorno

Sono passati 274 giorni dall'inizio dell'anno che corrispondono a 40 settimane

E' difficile diventare amici in un anno ma è molto facile offendere un amico in un'ora (prov. cinese)



* Chattina

Aggiorna Storia
  • nuvolotta: avventure testuali
    Luglio 06, 2020, 23:26:08
  • _jan_: ...gli ultimo però....!!
    Gennaio 14, 2019, 14:45:09
  • _jan_: vedi gli ultimi post in fondo.
    Novembre 24, 2018, 19:10:00
  • mar: Trovato :Amm9:
    Novembre 24, 2018, 18:57:51
  • mar: Chi cerca trova non vi trovo! :Cartelli2:
    Novembre 24, 2018, 18:57:05
  • mar: Vado a vedere le cartoline!
    Novembre 24, 2018, 18:52:38
  • mar: :Amore145:
    Novembre 24, 2018, 18:52:21
  • mar: :Amore178:
    Novembre 24, 2018, 18:52:07
  • _jan_: Welcome Visitor.  :Party133:
    Novembre 15, 2018, 10:03:24
  • Loretta/Nina: Benvenuto ligi  :Cartelli37:
    Ottobre 09, 2018, 13:19:25
  • nuvolotta: Cucù...  :Amore20:
    Settembre 16, 2018, 01:16:47
  • Loretta/Nina: :Party133:
    Settembre 01, 2018, 17:05:30
  • _jan_: Ciao ai visitors!!
    Settembre 01, 2018, 17:02:31
  • Loretta/Nina: :fischio: :979:
    Agosto 28, 2018, 16:20:48
  • ketty: ah beh, meno male. ora il tempo e' un po' brutto
    Agosto 26, 2018, 13:27:36
  • _jan_: No, no, soqquà. Ci passo ma....... non c'è mai nessuno. Ammiro Nuvolotta, solitaria e presente.
    Agosto 25, 2018, 10:34:41
  • ketty: ma Jan è andato in vacanza? :Cartelli70:
    Agosto 24, 2018, 20:51:59
  • ketty: ciao a tutti.
    Agosto 24, 2018, 20:50:12
  • nuvolotta: :faccina_fiore: ciao ragazzioli/ole...
    Agosto 19, 2018, 23:03:49
  • Loretta/Nina: :ciao: :Party133:
    Agosto 19, 2018, 20:24:28
  • _jan_: :Felici13:
    Agosto 04, 2018, 15:30:40
  • nuvolotta: Ferie... già fatte....
    Agosto 04, 2018, 09:54:58
  • _jan_: Auguri di buon onomastico a tutti gli Alfonso....
    Agosto 01, 2018, 11:10:21
  • _jan_: chiusp per ferie?
    Luglio 30, 2018, 19:50:58
  • _jan_: Buon onomastico a Donatella Seconda........ e la prima? :Shok145:
    Luglio 30, 2018, 06:59:38
  • _jan_: Buon onomastico a tutte le Marta.  :Amore20:
    Luglio 29, 2018, 07:44:31
  • _jan_: Ci sono altre nuove iscritte viste il 26 luglio 2018..... (mica saranno monache)....  :approva:
    Luglio 26, 2018, 18:39:04
  • _jan_: Oggi, 26 luglio 2018, abbiamo una nuova iscritta "Francesca".....Benvenuta Francesca.  :Party133:
    Luglio 26, 2018, 15:49:24
  • _jan_: Buon onomastico anche a tutte le Anna!!! .....
    Luglio 26, 2018, 10:30:21
  • _jan_: Auguri di Buon Onomastico a TUO..... (ogni giorno, credo)..... :sm269:
    Luglio 26, 2018, 10:28:52
  • ketty: ma.... quando è il tuo?
    Luglio 25, 2018, 19:52:19
  • _jan_: Buon onomastico a tutti i Giacomo!!!
    Luglio 25, 2018, 06:40:12
  • nuvolotta: Si ci sono sono passata per mettere un paio di video su Gimp
    Luglio 20, 2018, 10:54:00
  • _jan_: Auguri a tutti gli Aurelio!!
    Luglio 20, 2018, 09:22:13
  • _jan_: Buon onomastico ai Simmaco!!!
    Luglio 19, 2018, 10:37:59
  • _jan_: Bentornato Topolino apprendista!!
    Luglio 18, 2018, 15:47:02
  • _jan_: Buon onomastico a tutti i Giacinto!!!
    Luglio 18, 2018, 15:46:15
  • Loretta/Nina: porcaccia miseria che periodo uff! Vorrei esserci di più ma non riesco  :Shok123:, mi riprometto di essere più presente ... spero  :Shok123:
    Luglio 17, 2018, 20:51:45
  • _jan_: Buon onomastico a tutti gli Alessio. (ci fosse uno che dica grazie....) :Cartelli70:
    Luglio 17, 2018, 10:52:32
  • _jan_: Buon onomastico a tutti i Carmelo!!!
    Luglio 16, 2018, 10:25:47

* Emoticon aggiuntive e link al portale


Autore Topic: BOMBA SCUOLA BRINDISI, UN MORTO E 5 FERITI  (Letto 1098 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline nuvolotta

  • Global Moderator
  • Capo di 3° classe
  • *
  • Post: 4169
  • Sesso: Femmina
    • Moon over the top
  • Onomastico: non lo festeggio
BOMBA SCUOLA BRINDISI, UN MORTO E 5 FERITI
« il: Maggio 19, 2012, 21:30:26 »

Citazione

BOMBA SCUOLA BRINDISI, UN MORTO E 5 FERITI Un ordigno con tre bombole di gpl è esploso davanti alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi uccidendo una ragazza di 16 anni. Altre 5 persone sono rimaste ferite, una delle quali gravemente. Trovati i resti di un timer. L'ordigno era su un muretto esterno alla scuola: l'esplosione ha investito i giovani appena scesi da un autobus, mentre andavano verso l'ingresso principale dell'Istituto. Intanto sono discrete le condizioni delle 4 ragazze ricoverate all'ospedale "A.Perrino" di Brindisi nel reparto di chirurgia plastica e in quello ustionati. Lo comunica la direzione sanitaria.
 
BRINDISI, SI SEGUONO TUTTE LE PISTE L'obiettivo era sicuramente la scuola. Gli inquirenti stanno battendo tutte le piste. L'ordigno esploso davanti alla Morvillo-Falcone potrebbe essere collegato ad altri episodi avvenuti in zona. A Mesagne, la notte tra l'1-2 maggio era stata danneggiata da una bomba la macchina del presidente dell'antiracket Qualche giorno dopo un'operazione della Polizia, sempre a Mesagne, ha smantellato un'organizzazione mafiosa legata alla Sacra Corona Unita.Intanto si effettuano perquisizioni in casa di noti pregiudicati della zona e si controllano i loro alibi delle ultime ore. Oggi a Brindisi tappa carovana antimafia.
 
SINDACO BRINDISI: UCCISA L'ITALIA "Chi ha compiuto quel gesto ha ucciso l'Italia ma oggi abbiamo il cuore a pezzi e non abbiamo bisogno di gesti di intolleranza".Queste le parole del sindaco di Brindisi, Domenico Consales, dal palco della manifestazione di solidarietà per le studentesse colpite da una bomba scoppiata davanti alla scuola. Il sindaco è dovuto intervenire per sedare una contestazione a monsignor Talucci, arcivescovo della città. Sul palco lo striscione degli studenti "e adesso ammazzateci tutti". Presente anche il presidente della Regione, Vendola
 
CANCELLIERI, ORDIGNO E "FATTO ANOMALO" "Le ipotesi al vaglio sono tante. Nessuna può darci una certezza. Si tratta di un fatto anomalo che desta grande preoccupazione"."Bisogna essere prudenti e molto equilibrati", quanto avvenuto "non è tipico delle stragi di mafia". Così il ministro dell'Interno, Cancellieri sull'esplosione a Brindisi "Lo Stato è compatto e vigile -spiega tutto ormai può considerarsi obiettivo sensibile, ma è un grosso problema di intelligence. Bisogna capire l'origine di questi fatti". "Il governo ha concluso ha già mandato a Brindisi 200 uomini di polizia e carabinieri, 100 per il controllo del territorio e 100 per le indagini".
 
PM MOTTA: POTREBBE NON ESSERE MAFIA "Potrebbe non essere una organizzazione mafiosa" ad aver compiuto l'attentato dinanzi alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi che ha provocato un morto e diversi feriti. Lo ha detto il procuratore antimafia di Lecce, Cataldo Motta, al termine della riunione in Prefettura. Ed ha aggiunto: "In un momento in cui le organizzazioni mafiose locali sono alla ricerca di un consenso sociale, sarebbe un atto in controtendenza perché questo atto sicuramente aliena ogni simpatia nei confronti di chi lo ha commesso".Del resto "in genere gli atti terroristici vengono rivendicati, qui rivendicazioni non ce ne sono".
 
SEVERINO: PROVO ORRORE DA CITTADINO, GENITORE "Perdere i giovani migliori è una perdita irreparabile". Così il ministro della Giustizia sull'attentato all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, dove è morta una studentessa di 16 anni La scuola, ricorda Paola Severino, aveva vinto un premio sulla legalità e "questo qualifica questi ragazzi". Poi: "Non dobbiamo fare diagnosi affrettate, bisogna individuare le fonti di questo attentato, ma chiunque si schieri contro la legalità va perseguito".Infine:"Provo orrore come cittadino e genitore per queste giovani vite innocenti spezzate" "Chi sa o ha visto collabori-dice il ministro della Cooperazione, Riccardi
 
CAPO PS: LI PRENDEREMO NON AVRANNO TREGUA "Non daremo loro tregua. Li prenderemo e si pentiranno di questa nefandezza". Così il capo della polizia, Manganelli, commentando l'attentato a Brindisi alla scuola Morvillo-Falcone, in cui ha perso la vita una studentess di 16 anni. "Poco verosimile" la pista passionale, anche se "non possiamo escludere nulla; ma mi pare una vicenda troppo strutturata per essere ricondotta a un motivo passionale-emotivo". "Nessuno si è mai spinto a questa tipologia di agguatospiega-nè Sacra Corona unita, nè la mafia siciliana uccidono in questo modo e neanche le aree antagoniste, dalle Br a estrema destra".
 
BRINDISI, GRASSO: TERRORISMO PURO "Una cosa è certa, è terrorismo puro, perché da domani ogni genitore penserà: 'mandando mio figlio a scuola corre pericolo?', e avrà paura. Questo è il terrorismo". Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, aggiungendo: ""Qualunque sia la matrice, la condanna non può che essere estrema" "Lunedì tutti a scuola: gli studenti e le famiglie non devono avere paura ha proseguito dobbiamo aiutare con la solidarietà chi pensa di non mandare i figli a scuola per timore di attentati. L'Italia si deve prendere per mano, cittadini e istituzioni, e andare a scuola".
 
D'ALEMA: GIOVEDI' DE GENNARO AL COPASIR "Lo Stato dovrà mobilitarsi con tutte le sue energie per individuare e punire i responsabili di questo orrore". Così il presidente del Copasir D'Alema sull'attentato davanti all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi. Un "barbaro" attentato "terroristico e criminale". "Stiamo seguendo gli sviluppi della vicenda, che sarà oggetto aggiunge dell'audizione presso il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica dell'Autorità delegata, prefetto De Gennaro, già in calendario per giovedì prossimo".
 
NAPOLITANO: PROFONDO DOLORE PER MELISSA "Il presidente della Repubblica, Napolitano, esprime il suo profondo dolore per la perdita della giovane vita di Melissa stroncata dal barbaro attentato di questa mattina a Brindisi, per le gravissime condizioni di Veronica e per le ferite riportate da altre ragazze dell'Istituto professionale intitolato a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo. E' quanto si legge in una nota del Quirinale."Nello stringersi con affettuosa solidarietà ai familiari e alla comunità scolastica, il Capo dello Stato auspica e sollecita il più rapido ed efficace svolgimento delle indagini volte a individuare la matrice e i responsabili di questo sanguinoso attacco".
 
BRINDISI, LA CONDANNA DI SCHIFANI E FINI Sgomento per l'attentato di Brindisi è stato espresso dai presidenti di Senato e Camera, Schifani e Fini. Schifani, profondamente indignato per "un atto criminale di gravità inaudita", sottolinea la necessità di "fare al più presto piena luce". "Nessuno sforzo deve essere risparmiato per individuare e punire i responsabili", dice Fini, che parla di "volontà assassina che ha prescelto, con logica disumana, ragazzi inermi come bersaglio di un folle e vile disegno".
 
MONTI: DETERMINAZIONE CONTRO CRIMINALITA' "Seguo da vicino le indagini e le attività del governo e come ho detto al Capo dello Stato telefonicamente, il governo intende avere la più grande fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità e intende operare affinché il Paese sia più che mai unito in questi momenti".Così il premier Mario Monti da Camp David dove si trova per i lavori del G8. "Il governo intende operare con fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità"ha detto Monti eprimendo "profondo dolore, costernazione e sdegno" per "il gravissimo e atroce attentato". Il premier ha disposto bandiere a mezz'asta per 3 giorni.
 
PROFUMO:COLPIRE SCUOLA E' COLPIRE L'ITALIA Il ministro dell'Istruzione, Profumo, scrive agli studenti di Brindisi, dopo l'attentato. "Il vostro sgomento è quello di tutti. Colpire da vigliacchi una scuola è colpire l'Italia intera, perché lì si forma il suo futuro". Il ministro parla ai ragazzi esprimendo il dolore e lo sgomento che è di tutti e non solo dei compagni della giovane vittima. E conclude con una promessa: "Noi sapremo unirci e voi potete contare su di noi. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni lavorerò a iniziative in questo senso".
 
VENDOLA:BISOGNA CAPIRE CHI E'IL NOSTRO NEMICO "Giornata orribile. Uccidono ragazzi. Ora dobbiamo capire chi è il nemico che abbiamo di fronte", dice il governatore della Puglia, Vendola, che sottolinea l'urgenza di "dare una risposta forte e chiara ai barbari". "Avere una figlia che va a scuola e non torna più a casa è un'offesa, un oltraggio, un sacrilegio, cui dobbiamo reagire con durezza". Agli assassini "dobbiamo poter dire" che"la coscienza civile" di "tutta Italia li manderà all'inferno". Il governatore della Puglia dice infine che "a Brindisi è in corso un corpo a corpo contro la Sacra Corona Unita".E ricorda che sono stati "sequestrati beni e terreni".
 
BRINDISI, VENDOLA: DELITTO ORRENDO "Non si può stare alla finestra, oggi dobbiamo prendere un impegno: abbiamo il dovere di asciugare le lacrime di quelle mamme e di quei papà, il nostro dovere è di non dimenticare".Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, dal palco della manifestazion organizzata a Brindisi per l'attentato alla scuola Morvillo-Falcone. "Spezzare la vita di giovani è un delitto orrendo" ha detto Vendola. "Dobbiamo dire agli assassini che saranno fermati". Sul palco anche i segretari di Cgil e Uil, Camusso e Angeletti.  Bomba scuola, ferita gravissima ma viva
 
ESPLOSIONE A BRINDISI, MORTA 16ENNE ORDIGNO SCUOLA, FERITA E' GRAVISSIMA MA VIVA L'esplosione di un ordigno, stamane davanti all'Istituto professionale "Morvillo-Falcone" di Brindisi, ha causato la morte di una studentessa di 16 anni della vicina Mesagne.Gravissima un'amica, che è stata operata;altri 6 feriti. L'ordigno era su un muretto esterno al la scuola, ed era composto da 3 bombole di gas collegate fra loro e a un timer. L'esplosione ha investito i giovani appena scesi da un autobus, mentre andavano verso l'ingresso principale della scuola."Hanno voluto uccidere, le ragazze entrano proprio a quell'ora", dice il preside."Colpito il simbolo dell'innocenza", per il sindaco di Mesagne. Evacuate le scuole cittadine.
 
BOMBA SCUOLA BRINDISI, UN MORTO E 5 FERITI Un ordigno con tre bombole di gpl è esploso davanti alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi uccidendo una ragazza di 16 anni. Altre 5 persone sono rimaste ferite, una delle quali gravemente. Trovati i resti di un timer. L'ordigno era su un muretto esterno alla scuola: l'esplosione ha investito i giovani appena scesi da un autobus, mentre andavano verso l'ingresso principale dell'Istituto. Intanto sono discrete le condizioni delle 4 ragazze ricoverate all'ospedale "A.Perrino" di Brindisi nel reparto di chirurgia plastica e in quello ustionati. Lo comunica la direzione sanitaria. 
 
BRINDISI, SI SEGUONO TUTTE LE PISTE L'obiettivo era sicuramente la scuola. Gli inquirenti stanno battendo tutte le piste. L'ordigno esploso davanti alla Morvillo-Falcone potrebbe essere collegato ad altri episodi avvenuti in zona. A Mesagne, la notte tra l'1-2 maggio era stata danneggiata da una bomba la macchina del presidente dell'antiracket Qualche giorno dopo un'operazione della Polizia, sempre a Mesagne, ha smantellato un'organizzazione mafiosa legata alla Sacra Corona Unita.Intanto si effettuano perquisizioni in casa di noti pregiudicati della zona e si controllano i loro alibi delle ultime ore. Oggi a Brindisi tappa carovana antimafia.
 
SINDACO BRINDISI: UCCISA L'ITALIA "Chi ha compiuto quel gesto ha ucciso l'Italia ma oggi abbiamo il cuore a pezzi e non abbiamo bisogno di gesti di intolleranza".Queste le parole del sindaco di Brindisi, Domenico Consales, dal palco della manifestazione di solidarietà per le studentesse colpite da una bomba scoppiata davanti alla scuola. Il sindaco è dovuto intervenire per sedare una contestazione a monsignor Talucci, arcivescovo della città. Sul palco lo striscione degli studenti "e adesso ammazzateci tutti". Presente anche il presidente della Regione, Vendola
 
CANCELLIERI, ORDIGNO E "FATTO ANOMALO" "Le ipotesi al vaglio sono tante. Nessuna può darci una certezza. Si tratta di un fatto anomalo che desta grande preoccupazione"."Bisogna essere prudenti e molto equilibrati", quanto avvenuto "non è tipico delle stragi di mafia". Così il ministro dell'Interno, Cancellieri, sull'attentato all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, che ha causato la morte di due studentesse. "Lo Stato è compatto e vigile -spiegatutto ormai può considerarsi obiettivo sensibile, ma è un grosso problema di intelligence.Bisogna capire da dove nascono questi fatti." E conferma il summit a Brindisi  lunedì con le forze di sicurezza e annuncia: riferirò martedì in Senato Bisogna capire l'origine di questi fatti". "Il governo ha concluso ha già mandato a Brindisi 200 uomini di polizia e carabinieri, 100 per il controllo del territorio e 100 per le indagini".
 
A BRINDISI VICE CAPO POLIZIA E SCO Già sul posto a Brindisi il vicecapo della Polizia, Cirillo. "E' un attentato bestiale. Gli studenti sono la speranza, non si può morire così ha detto Cirillo Vogliamo fare subito chiarezza e verità". Nella città pugliese anche i vertici del Servizio centrale operativo, che affiancheranno un pool di investigatori locali. Il procuratore antimafia Piero Grasso ha lasciato Milano per raggiungere la Puglia.
 
PM MOTTA: POTREBBE NON ESSERE MAFIA "Potrebbe non essere una organizzazione mafiosa" ad aver compiuto l'attentato dinanzi alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi che ha provocato un morto e diversi feriti. Lo ha detto il procuratore antimafia di Lecce, Cataldo Motta, al termine della riunione in Prefettura. Ed ha aggiunto: "In un momento in cui le organizzazioni mafiose locali sono alla ricerca di un consenso sociale, sarebbe un atto in controtendenza perché questo atto sicuramente aliena ogni simpatia nei confronti di chi lo ha commesso".Del resto "in genere gli atti terroristici vengono rivendicati, qui rivendicazioni non ce ne sono".
 
SEVERINO: PROVO ORRORE DA CITTADINO, GENITORE "Perdere i giovani migliori è una perdita irreparabile". Così il ministro della Giustizia sull'attentato all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, dove è morta una studentessa di 16 anni La scuola, ricorda Paola Severino, aveva vinto un premio sulla legalità e "questo qualifica questi ragazzi". Poi: "Non dobbiamo fare diagnosi affrettate, bisogna individuare le fonti di questo attentato, ma chiunque si schieri contro la legalità va perseguito".Infine:"Provo orrore come cittadino e genitore per queste giovani vite innocenti spezzate" "Chi sa o ha visto collabori-dice il ministro della Cooperazione, Riccardi 
 
CAPO PS: LI PRENDEREMO NON AVRANNO TREGUA "Non daremo loro tregua. Li prenderemo e si pentiranno di questa nefandezza". Così il capo della polizia, Manganelli, commentando l'attentato a Brindisi alla scuola Morvillo-Falcone, in cui ha perso la vita una studentess di 16 anni. "Poco verosimile" la pista passionale, anche se "non possiamo escludere nulla; ma mi pare una vicenda troppo strutturata per essere ricondotta a un motivo passionale-emotivo". "Nessuno si è mai spinto a questa tipologia di agguatospiega-nè Sacra Corona unita, nè la mafia siciliana uccidono in questo modo e neanche le aree antagoniste, dalle Br a estrema destra". 
 
BRINDISI, GRASSO: TERRORISMO PURO "Una cosa è certa, è terrorismo puro, perché da domani ogni genitore penserà: 'mandando mio figlio a scuola corre pericolo?', e avrà paura. Questo è il terrorismo". Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso, aggiungendo: ""Qualunque sia la matrice, la condanna non può che essere estrema" "Lunedì tutti a scuola: gli studenti e le famiglie non devono avere paura ha proseguito dobbiamo aiutare con la solidarietà chi pensa di non mandare i figli a scuola per timore di attentati. L'Italia si deve prendere per mano, cittadini e istituzioni, e andare a scuola".
 
D'ALEMA: GIOVEDI' DE GENNARO AL COPASIR "Lo Stato dovrà mobilitarsi con tutte le sue energie per individuare e punire i responsabili di questo orrore". Così il presidente del Copasir D'Alema sull'attentato davanti all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi. Un "barbaro" attentato "terroristico e criminale". "Stiamo seguendo gli sviluppi della vicenda, che sarà oggetto aggiunge dell'audizione presso il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica dell'Autorità delegata, prefetto De Gennaro, già in calendario per giovedì prossimo".
 
ORDIGNO SCUOLA, TROVATO TELECOMANDO? Sarebbe stato trovato il telecomando che ha azionato l'ordigno davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi: tre bombole di gpl sono esplose, uccidendo una 16enne della vicina Mesagne. Gravissima un'amica, sei altri feriti. L'ordigno era su un muretto esterno al la scuola: l'esplosione ha investito i giovani appena scesi da un autobus, mentre andavano verso l'ingresso principale dell'Istituto. "Hanno voluto uccidere, le ragazze en-trano proprio a quell'ora", dice il preside. "Colpito il simbolo dell'innocenza", per il sindaco di Mesagne. Evacuate le scuole cittadine.
 
BRINDISI, SI PRIVILEGIA PISTA MAFIOSA L'obiettivo era sicuramente la scuola. Gli inquirenti stanno battendo tutte le piste, ma propendono per la pista mafiosa.L 'ordigno esploso davanti ala Morvillo-Falcone potrebbe essere collegato ad altri episodi avvenuti nella zona. A Mesagne, la notte tra l'1-2 maggio era stata danneggiata da una bomba la macchina del presidente dell'antiracket Qualche giorno dopo un'operazione della Polizia, sempre a Mesagne, ha smantellato un'organizzazione mafiosa legata ala Sacra Corona Unita. Intanto si effettuano perquisizioni in casa di noti pregiudicati della zona e si controllano i loro alibi delle ultime ore.Oggi a Brindisi tappa carovana antimafia.
 
NAPOLITANO, APPRENSIONE E PARTECIPAZIONE "A quanto si apprende, il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, informato dal ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri, del primo angoscioso bilancio dell'esplosione di un ordigno davanti a una scuola dedicata a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo a Brindisi, sta seguendo gli sviluppi delle indagini con apprensione e partecipe vicinanza ai familiari delle vittime, ai feriti e all'intera collettività brindisina". Lo si legge in una nota dell'ufficio stampa del Quirinale.
 
NAPOLITANO: PROFONDO DOLORE PER MELISSA "Il presidente della Repubblica, Napolitano, esprime il suo profondo dolore per la perdita della giovane vita di Melissa stroncata dal barbaro attentato di questa mattina a Brindisi, per le gravissime condizioni di Veronica e per le ferite riportate da altre ragazze dell'Istituto professionale intitolato a Giovanni Falcone e Francesca Morvillo. E' quanto si legge in una nota del Quirinale."Nello stringersi con affettuosa solidarietà ai familiari e alla comunità scolastica, il Capo dello Stato auspica e sollecita il più rapido ed efficace svolgimento delle indagini volte a individuare la matrice e i responsabili di questo sanguinoso attacco".
 
VENDOLA:BISOGNA CAPIRE CHI E'IL NOSTRO NEMICO "Giornata orribile. Uccidono ragazzi. Ora dobbiamo capire chi è il nemico che abbiamo di fronte", dice il governatore della Puglia, Vendola, che sottolinea l'urgenza di "dare una risposta forte e chiara ai barbari". "Avere una figlia che va a scuola e non torna più a casa è un'offesa, un oltraggio, un sacrilegio, cui dobbiamo reagire con durezza". Agli assassini "dobbiamo poter dire" che"la coscienza civile" di "tutta Italia li manderà all'inferno". Il governatore della Puglia dice infine che "a Brindisi è in corso un corpo a corpo contro la Sacra Corona Unita".E ricorda che sono stati "sequestrati beni e terreni". 
 
BRINDISI, VENDOLA: DELITTO ORRENDO "Non si può stare alla finestra, oggi dobbiamo prendere un impegno: abbiamo il dovere di asciugare le lacrime di quelle mamme e di quei papà, il nostro dovere è di non dimenticare".Così il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, dal palco della manifestazion organizzata a Brindisi per l'attentato alla scuola Morvillo-Falcone. "Spezzare la vita di giovani è un delitto orrendo" ha detto Vendola. "Dobbiamo dire agli assassini che saranno fermati". Sul palco anche i segretari di Cgil e Uil, Camusso e Angeletti.
 
ALFANO: VILE COLPO AL CUORE DEL PAESE "A vent'anni dalla strage in cui persero la vita i giudici Falcone e Morvillo, davanti a una scuola dedicata alla loro memoria, è stato sferrato un vile colpo al cuore del Paese che paga, ancora oggi, un tributo di sangue". Lo sottolinea il segretario PdL, Alfano, dicendosi "addolorato e sconvolto". "Lotteremo con più forza perché questo sconcertante attentato resti isolato e perché ogni eventuale recrudescenza di innominabili strategie del terrore venga stroncata sul nascere", afferma.
 
BRINDISI, BERSANI: DOLORE E INDIGNAZIONE "Dolore e indignazione per il più aberrante dei delitti che si è consumato questa mattina a Brindisi". Così il segretario del Pd, Bersani, alla notizia dell'esplosione di un ordigno davanti alla scuola di Brindisi. Bersani esprime solidarietà alle vittime e alla loro famiglie e chiede che "tutti assieme si reagisca per avere verità e colpire gli infami e garantire serenità alla nostra democrazia e alla vita quotidiana dei cittadini". Dalla segreteria nazionale del Pd, un appello a favore di iniziative unitarie per la difesa della democrazia.
 
BRINDISI, LA CONDANNA DI SCHIFANI E FINI Sgomento per l'attentato di Brindisi è stato espresso dai presidenti di Senato e Camera, Schifani e Fini. Schifani, profondamente indignato per "un atto criminale di gravità inaudita", sottolinea la necessità di "fare al più presto piena luce". "Nessuno sforzo deve essere risparmiato per individuare e punire i responsabili", dice Fini, che parla di "volontà assassina che ha prescelto, con logica disumana, ragazzi inermi come bersaglio di un folle e vile disegno".
 
MONTI: DETERMINAZIONE CONTRO CRIMINALITA' "Seguo da vicino le indagini e le attività del governo e come ho detto al Capo dello Stato telefonicamente, il governo intende avere la più grande fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità e intende operare affinché il Paese sia più che mai unito in questi momenti".Così il premier Mario Monti da Camp David dove si trova per i lavori del G8. "Il governo intende operare con fermezza e determinazione nel contrasto ad ogni tipo di criminalità"ha detto Monti eprimendo "profondo dolore, costernazione e sdegno" per "il gravissimo e atroce attentato". Il premier ha disposto bandiere a mezz'asta per 3 giorni.
 
PROFUMO:COLPIRE SCUOLA E' COLPIRE L'ITALIA Il ministro dell'Istruzione, Profumo, scrive agli studenti di Brindisi, dopo l'attentato. "Il vostro sgomento è quello di tutti. Colpire da vigliacchi una scuola è colpire l'Italia intera, perché lì si forma il suo futuro". Il ministro parla ai ragazzi esprimendo il dolore e lo sgomento che è di tutti e non solo dei compagni della giovane vittima. E conclude con una promessa: "Noi sapremo unirci e voi potete contare su di noi. Nelle prossime ore e nei prossimi giorni lavorerò a iniziative in questo senso". 
 
SEVERINO: PROVO ORRORE DA CITTADINO, GENITORE "Perdere i giovani migliori è una perdita irreparabile". Così il ministro della Giustizia sull'attentato all'Istituto Morvillo-Falcone di Brindisi, dove è morta una studentessa di 16 anni La scuola, ricorda Paola Severino, aveva vinto un premio sulla legalità e "questo qualifica questi ragazzi". Poi: "Non dobbiamo fare diagnosi affrettate, bisogna individuare le fonti di questo attentato, ma chiunque si schieri contro la legalità va perseguito".Infine:"Provo orrore come cittadino e genitore per queste giovani vite innocenti spezzate" "Chi sa o ha visto collabori-dice il ministro della Cooperazione, Riccardi
 
SANTA SEDE: PAESE REAGISCA A VIOLENZA La Santa Sede invita "tutto il Paese a reagire con decisione alle tentazioni di violenza e alle provocazioni terroristiche". L'attentato di Brindisi, dice il portavoce vaticano, Lombardi, "è un fatto assolutamente orribile e vile, tanto più degno di esecrazione in quanto avvenuto nei pressi di una scuola".
 
BOMBA BRINDISI, SIT-IN STUDENTI TUTTA ITALIA Sit-in di studenti oggi alle 18.30 davanti ai Comuni di tutta Italia, dopo l'attentato davanti alla scuola di Brindisi. A Roma bandiere a mezz'asta e annullata la Notte dei musei. Gli studenti si incontreranno al Pantheon e "scenderanno nelle piazze con un fazzoletto bianco in mano in segno di solidarietà per le vittime dell'attentato a Brindisi", annuncia l'Udu. Chiuso per lutto lo stand pugliese al Forum nazionale della Pubblica Amministrazione. A Palermo presidio all'albero Falcone. Il Coni annuncia un minuto di silenzio su tutti i campi sportivi.
 
BRINDISI:TUTTA ITALIA SOLIDALE CON VITTIME Dolore e rabbia in tutta Italia per l'attentato di Brindisi. La città colpita si è fermata alle 18 per una manifestazione con la Carovana antimafia e don Ciotti. Altre iniziative si stanno svolgendo in tutto il Paese. A Roma raduno in piazza del Pantheon. A Milano, in piazza San Fedele. A Torino, il sindaco Fassino ha invitato tutti all'incontro di domani al Regio con don Ciotti, Grasso e Maria Falcone.A Palermo fiaccolata sotto l'albero di Falcone Mobilitazione Cgil-Cisl-Uil il 23 maggio con sit-in davanti alle prefetture. Sospesa la Notte dei Musei prevista per stasera. Il Coni annuncia un minuto di silenzio su tutti i campi sportivi. 
 
MARIA FALCONE:GIOVANNI UCCISO DI NUOVO "Hanno ucciso di nuovo Giovanni e Fran cesca". Così Maria Falcone, sorella del magistrato ucciso nella strage di Capaci, a proposito dell'attentato di Brindisi, davanti alla scuola MorvilloFalcone. "Bisogna aspettare l'esito delle indagini, ma una morte di questo genere è inaccettabile". Cosi Don Luigi Ciotti, presidente di Libera."In Puglia-aggiunge-ci sono beni confiscati alle mafie e anti giovani che si danno da fare per dare al Paese più legalità, più dignità, più lavoro, più giustizia sociale" 
 
CASINI: STARE UNITI CONTRO TERRORISMO "Ammainiamo le bandiere di parte e, come all'epoca del terrorismo, affrontiamo insieme le sfide del presente". Lo chiede il leader dell'Udc, Casini, commentando la notizia dell'esplosione che ha colpito la scuola di Brindisi. "Chi ancora si ostina a sottovalutare il momento drammatico che stiamo vivendo, sospeso tra drammi economici e rischi terroristici, dovrebbe riflettere molto seriamente". E' il momento, dice Casini, "dell'unità di tutte le persone perbene di questo Paese".
 
DI PIETRO: IL GOVERNO VENGA IN AULA Il leader dell'IdV, Di Pietro, chiede al governo di riferire in Parlamento su quanto accaduto a Brindisi. Di Pietro parla di atto "di una gravità inaudita" ed esprime sgomento "di fronte a tanta barbarie". "Ci auguriamo dice che le autorità competenti facciano al più presto chiarezza su questa terribile vicenda, assicurando alla giustizia i responsabili di un così vile atto criminale".



Se vogliamo che ci sia un vero cambiamento dobbiamo ribellarci contro le mafie e tutte le organizzazioni criminali che bloccano il vero sviluppo... Inquinamento,  droga, traffico di minori, traffico di organi, lavoro minorile, lavoro nero, caporalato, l traffico di manodopera clandestina, appalti truccati, ’usura e il racket, il contrabbando (di medicinali, tabacco, ecc.), il traffico di droga e di armi, lo sfruttamento della prostituzione (anche quella maschile e minorile), il riciclaggio di denaro, la contraffazione, il gioco d’azzardo e le scommesse clandestine, le frodi comunitarie e internazionali, il traffico di oggetti d’arte e antiquariato, i i fenomeni di ecomafia, e così via. E ora anche l'attacco ad una delle istituzioni primarie della società civile la scuola, è da tanto che si dice che la mafia è contro la scuola e le istituzioni culturali, perchè fanno pensare e scegliere una strada diversa da quella della criminalità, I mafiosi sono i talebani delle società democratiche .. Nuvolotta 
Chi non smanetta non impara

Offline Loretta/Nina

  • Administrator
  • Sottocapo di 1° classe scelto (S.P.E.)
  • *
  • Post: 1322
  • Sesso: Femmina
  • Nina
    • Il portale di Nina
  • Onomastico: 27 dicembre - beata Loreta Fusconi, morta nel 1430 - comply 24 maggio
Re:BOMBA SCUOLA BRINDISI, UN MORTO E 5 FERITI
« Risposta #1 il: Maggio 20, 2012, 20:26:05 »
Sono giorni davvero pesanti, il 19 la bomba alla scuola a Brindisi e ieri il terremoto.

Spero che quell'"essere" schifoso che ha spezzato una vita e rovinato intere famiglie sia preso, sbattuto in galera a vita e che viva tanto da maledire ogni giorno che Dio gli concederà su questa terra.

Gli posso solo augurare il peggio possibile in questa vita e un'inferno senza fine nell'altra.................

Non sei autorizzato a vedere i links. Registrati o Login Non sei autorizzato a vedere i links. Registrati o Login
ogni giorni un passo avanti, anche se la strada è in salita, mai voltarsi indietro, ma guardare sempre avanti...